download                 contattaci

Riforma dei Voucher, ecco cosa cambia

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 235 del 7/10/2016 (le norme sono pertanto cogenti a partire dall’8/10/2016) del decreto legislativo 24 settembre 2016, n. 185 sono cambiate in modo importante le norme riguardanti i Voucher.

 

Tra i diversi correttivi al Jobs Act, vi sono alcune modifiche alla disciplina del lavoro accessorio (art. 1, di modifica del D.l. n. 81 del 2015). In primis, il Dlgs. che, tra gli altri interventi, ha modificato la procedura di comunicazione preventiva dei Voucher dispone che, almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione di lavoro accessorio retribuita con voucher, al competente Ispettorato Nazionale del Lavoro vengano trasmessi mediante sms o posta elettronica i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo, il giorno e l’ora di inizio e fine della prestazione. In caso di violazione, si applica una sanzione amministrativa da 400 a 2.400 euro per ciascun lavoratore con riferimento al quale è stata omessa la comunicazione.

Dai nuovi obblighi sono esentati i soggetti che non rientrano nella definizione di committenti imprenditori e professionisti (ad esempio: privati cittadini, società e associazioni sportive dilettantistiche, condomini, associazioni senza scopo di lucro).

(Numero letture: 24)

Lascia un commento

error: Contenuto protetto!